Mercedes-Benz Classe SL W 198 I d'epoca in vendita

2 inserzioni della Mercedes-Benz Classe SL W 198 I trovate

Mille Miglia
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
1 / 13
Mille Miglia
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano"
1 / 4
Prodotti per pagina

Mercedes-Benz W198 I

Definita "gullwing" per la sua apertura ad ali di gabbiano, la Mercedes-Benz W198 I, fu presentata al salone di New York nel 1954.

Mercedes-Benz W198 I - L'inizio

Esemplare di spicco della serie SL (dal tedesco Sport, Leicht: sport e lusso) la Mercedes-Benz W198 I incarnò perfettamente le intenzioni della casa automobilistica di produrre un'auto scattante, prestante, ma al contempo elegante, adatta alla marcia su strada. Il progetto nacque su consiglio dell'importatore d'auto statunitense Max Hoffman, il quale proposte al bavarese Daimler Benz di dare un'erede alla fortunata Mercedes-Benz 300 SL da gara, con la quale il team di Stoccarda esordì a pieno titolo nel settore delle corse automobilistiche, vincendo una quantità significativa di premi. L'idea si rivelò senza dubbio di successo, così come dimostrò il dato delle vendite: 3258 esemplari prodotti dal 1954 al 1963.

La Mercedes-Benz SL da gara del 1950 era nota per il suo telaio a traliccio di tubi, che la rendeva più stabile ma al contempo più ingombrante. Ciò determinò la decisione di montare delle portiere ad ala di gabbiano: un dettaglio che divenne un biglietto da visita per la sua erede Coupé, dal design spettacolare e di grade impatto scenico.

Mercedes-Benz W198 I - Evoluzione a portata di Coupé

La Mercedes-Benz 300 SL Coupé apparve più moderna della Mercedes-Benz 300 SL da gara. Sul piano estetico si differenziava per il cofano più lungo, per i "baffi" sui passaruota, per le prese d'aria sui parafanghi e per la coda aerodinamica: dettagli che la resero accattivante ma al contempo elegante. Ma ad evolversi, rispetto al precedente modello, fu soprattutto la parte tecnica. Venne abbandonato l'uso del carburatore per i motori benzina e fu introdotta l'alimentazione ad iniezione meccanica, ancora piuttosto inusuale negli anni '50.

La Mercedes-Benz W198 I fu una 3 litri esattamente come la sorella maggiore, ma le venne donato un motore M198, in grado di raggiungere una potenza di 215 CV ed una velocità di 258 Km/h; inoltre disponeva di un cambio a 4 marce, frizione a monodisco e differenziale autobloccante ZF. Completava il tutto un sistema di sospensioni indipendenti, con avantreno a quadrilateri, barra stabilizzatrice ed un retrotreno su un'unica articolazione a bracci longitudinali. Tuttavia, nella Mercedes-Benz SL Roadster del 1957 si optò per un sistema frenante idraulico, con servofreno e sterzo a circolazione di sfere.

Mercedes-Benz W198 I - Una best seller dal fascino immutato

La produzione della Mercedes-Benz 300 SL W198 I fu interrotta nel 1963 per dar spazio alla versione Rodaster, nella quale si eliminarono le portiere ad ala di gabbiano ed il tubolare sulle fiancate, da scavalcare per accedere all'abitacolo. La Rodaster, che per ovvie ragioni perse il soprannome "gullwing", fu pensata soprattutto per le donne che indossavano la gonna.

Ad oggi le auto della serie SL sono piuttosto ambite dai collezionisti e continuano a mantenere immutato il loro storico fascino.