Puma d'epoca in vendita

4 inserzioni della Puma trovate

Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
Puma GTV-033 S
1 / 20
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
1 / 4
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
Puma GTE 1600
1 / 9
Puma GT 1600
Puma GT 1600 - Puma 1600 GT als seltener Targa
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
Puma GT 1600
1 / 49
Prodotti per pagina

Puma

Tra le auto d'epoca sportive rientrano quelle targate Puma, dove la passione per le corse automobilistiche si è tradotta in marchio.

Puma - Le origini

La casa automobilistica brasiliana Puma è stata operativa nel campo delle auto sportive nel periodo che va dal 1966 al 1995. L'azienda nasce dalla passione nutrita da Rino Malzoni verso le auto e le corse automobilistiche; già nel 1964, il fondatore, di professione avvocato, aveva realizzato il prototipo del suo primo veicolo, la GT Malzoni. Nel corso dell'attività di produzione sono state commercializzati circa una ventina di modelli, tutti contraddistinti dal fascino e dal piacere della guida sportiva. I motori supportati dai veicoli Puma vanno dal DKW a 3 cilindri, alla motorizzazione Volkswagen a 4 cilindri, fino al propulsore General Motors a 4 e a 6 cilindri.

Nel 1967 avviene l'acquisto da parte della Volkswagen del modello DKW-Vemag, segnando la fine della produzione brasiliana del motore DKW. Con la Volkswagen, la casa Puma progettò una vettura che si ispirava alla Volkswagen Karmann Ghia, caratterizzata da una motorizzazione da 1500 cc e il cui design riprendeva quello della Lamborghini Miura.

La produzione del 1969 ha visto l'utilizzo del motore standard da 1600 cc e nel 1970 è iniziata l'esportazione dei veicoli anche all'estero, con la differenza che mentre i modelli destinati al mercato brasiliano erano completi nelle loro componenti, le auto destinate all'estero erano mancanti di alcuni pezzi come il motore, le ruote e gli assali.

Gli anni Ottanta sono stati anni duri per tutta l'economia brasiliana e la crisi colpì anche l'azienda Puma, che nel frattempo era stata già oggetto di inondazioni e incendi. Dai 400 veicoli al mese prodotti nel periodo di massima, verso la metà del decennio le auto erano scese a 100 al mese, fino a fallire. Nel 1986 poi i diritti di Puma furono oggetto di cessioni a varie concessionarie fino ad essere venduti ad Alfa Metais Veículos, che continuò la produzione delle Puma fino al 1995.

Puma - Modelli storici

Il modello iconico della casa è sicuramente il Malzoni GT: costruita in fibra di vetro, supportava un parabrezza posteriore panoramico e un motore DKW a tre tempi. Il design della carrozzeria di questo modello Puma fu ridisegnato da Anisio Campos. Dal restyling, l'auto ne uscì maggiormente allungata e con l'istallazione più in alto dei paraurti. Il modello fu poi denominato Puma GT e riscosse notevole popolarità, tanto che dalle 35 auto prodotte inizialmente, si aumentò a 125 nel 1967, per costruire in tutto circa 170 veicoli. Altri modelli significativi furono il Puma GT con motore Volkswagen (1969), il Puma GTS (1979), il Puma GTC (1980) e il Puma GTI (1981-1985).