Bild 1/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 2/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 3/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 4/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 5/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 6/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 7/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 8/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 9/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 10/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 11/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 12/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 13/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 14/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 15/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 16/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 17/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 18/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 19/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 20/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 21/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 22/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 23/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 24/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 25/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 26/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 27/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 28/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 29/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 30/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 31/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 32/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 33/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 34/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 35/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 36/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 37/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 38/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 39/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 40/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 41/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 42/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 43/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 44/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 45/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 46/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 47/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 48/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 49/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
Bild 50/50 von Panhard Dyna Z16 (1959)
1959 | Panhard Dyna Z16

1959 PAUL MENISSIER PANHARD SPECIAL

€ 39.800
🇮🇹Händler

Beschreibung

Immatricolata la prima volta in Francia il 12 gennaio 1950 con la targa 6040AT3, il 30 maggio del 1959 è stata trasformata in Barchetta con il n. 63-59-26.

Sempre rimasta in Francia fino al 18 ottobre 2013 quando fu acquistata da un collezionista italiano.

Un'auto da corsa dal design tecnico rivoluzionario.

Questa originalissima barchetta da corsa è una superstite di un periodo molto attivo e creativo per le corse automobilistiche. Il produttore è Paul Ménissier, un pilota che aveva sede a Drôme (nel sud della Francia).

 

Paul Ménissier era un agente Citroën e un pilota da corsa.

 

Ha progettato e costruito questa PMS-Panhard sulla base di un concetto audace: associando motore centrale e trazione anteriore, l'auto combina l'equilibrio ideale del peso con la potenza direzionale della trazione anteriore.

Per alimentare il prototipo fu utilizzato un motore bialbero Alfa Romeo.

Ora, l'auto è dotata di una Ford 4 cilindri in linea.

 

Spinta dal motore Alfa-Romeo fu utilizzata dallo stesso Paul Ménissier, tra gli altri eventi, sul famoso Course de Côte du Pin.

 

La caratteristica più originale della vettura è la sua struttura motore centrale/trazione anteriore, unica nella Storia su un'auto da corsa.

Il telaio è un Panhard Dyna X modificato, dotato di una sospensione posteriore più avanzata che include molle elicoidali.

Il treno delle ruote anteriori riceve potenza da un albero di trasmissione che attraversa l'abitacolo.

 

Ben consapevole degli enormi vantaggi della trazione anteriore per la tenuta di strada, Ménissier ha deciso di mettere il peso del motore a centro per un equilibrio perfetto, pur mantenendo le qualità di tenuta di strada della trazione anteriore della Dyna-X.

La tecnologia del motore centrale era davvero nuova a quel tempo (la PMS fu costruita nel 1958-59, mentre la Ferrari passò dalle auto sportive a motore anteriore a quelle a motore posteriore solo nel 1963...!).

Abbinato alla trazione anteriore, la PMS è davvero rivoluzionario, anche per gli standard odierni.

Inoltre, la carrozzeria è stata disegnata seguendo avanzati disegni aerodinamici, strettamente derivati dalle Porsche spider da corsa.

La carrozzeria è stata infine ulteriormente affinata con una parte anteriore più lunga (probabilmente progettata per generare più forza verso il basso), così come delle "pinne" posteriori non lontane dalle auto di ultima generazione contemporanee.

 

La Ménissier ha corso due volte alla cronoscalata "Course de Côte du Pin", prima nel 1960 o 61, poi nel 1962 - vedi foto qui sotto con una carrozzeria ancora sperimentale...sostituita con quella che conosciamo oggi, probabilmente alla ricerca di carico aerodinamico sull'anteriore.

 

L'articolo di stampa qui sopra è stato comunicato da Charly Rampal, noto esperto di Panhard (Dynamic-Club Panhard) e dal suo amico Gérard Trémouilhac (ex membro del GRAC Team).

Grazie a loro e anche a Marcel, un amico di Ménissier, che ha aiutato a identificare l'auto.

Ménissier era un pilota di talento che partecipò al Rally di Monte-Carlo con una Citroën DS.

 

 

Fahrzeugdetails

Fahrzeugdaten

Marke
Panhard
Modellreihe
Dyna
Modell
Dyna Z16
Erstzulassung
Nicht angegeben
Baujahr
1959
Tachostand (abgelesen)
0 km
Fahrgestellnummer
Nicht angegeben
Motornummer
Nicht angegeben
Getriebenummer
Nicht angegeben
Matching numbers
Nein
Anzahl Vorbesitzer
Nicht angegeben

Technische Details

Karosserieform
Limousine (4-Türen)
Leistung (kW/PS)
37/50
Hubraum (ccm)
851
Zylinder
2
Anzahl Türen
4
Lenkung
Links
Getriebe
Manuell
Gänge
Nicht angegeben
Antrieb
Front
Bremse Front
Nicht angegeben
Bremse Heck
Nicht angegeben
Kraftstoff
Benzin

Individuelle Konfiguration

Außenfarbe
Rot
Innenfarbe
Andere
Innenmaterial
Andere

Zustand & Zulassung

Gutachten vorhanden
Nicht angegeben
Zugelassen
Fahrbereit

Anfahrt

Logo von Cristiano Luzzago

Cristiano Luzzago

Cristiano Luzzago

Via San Bernardino 67

25030 Roncadelle

🇮🇹 Italien

Weitere Fahrzeuge von Cristiano Luzzago

Ähnliche Fahrzeuge