• Merkliste 0
    0

    Modifiche ai veicoli salvati

    Lista veicoli salvati

    Usa la lista delle offerte osservate, per accedere velocemente le tue inserzioni preferiti.

    Per visualizzare la lista delle offerte osservate, devi accedere al sito.

  • Gespeicherte suchen 0
    0

    nuovi risultati nella ricerca

    Lista ricerche

    Salva la ricerca e continua in qualsiasi momento con solo un click.

    Ricevi una notifica e-mail quando vengono pubblicate nuove inserzioni affini alla tua ricerca.

    Per salvare la tua ricerca, devi accedere al sito.

Kawasaki S 3 (1975)

Prezzo su richiesta

  • Kawasaki S 3
  • Kawasaki S 3
  • Kawasaki S 3
  • Kawasaki S 3
1 da 4
Chiama il Venditore
Scrivi al venditore
  • RUOTE DA SOGNO S.R.L
  • Italia Italia
  • Contatto:
    Romano Pasini

Oggetto

Richiesta di Kawasaki S 3 (1975) | ID veicolo: 67792

Salva Salvato
Stampa
Segnala
  • Dati veicolo
  • Descrizione
  • Condizioni
  • Marca Kawasaki
  • Modello S 3
  • Anno di fabbricazione 1975
  • Tipo Grand Turismo / Grand Cruiser
  • Numero di telaio N/D
  • Numero del cambio N/D
  • Numero del motore N/D
  • Colore carrozzeria Rosso
  • Perizia N/D
  • Condizioni Restaurato
  • Chilometraggio N/D
  • Numero di proprietari precedenti N/D
  • Prima immatricolazione N/D
  • Matching numbers N/D
  • Cafe Racer N/D

Dettagli tecnici

  • Motore In linea | 2-Tempi
  • Potenza (kW/CV) 31/42
  • Cilindrata (ccm) 399
  • Cilindri 3
  • Avviamento Kickstarter
  • Cooling Aria
  • Cambio Manuale
  • Innesto (cambio) N/D
  • Marce N/D
  • Trazione Catena
  • Carburante Benzina
  • Freno anteriore N/D
  • Freno posteriore N/D
  • Peso a vuoto (kg) 159

Rispetto alla GT 380 la Kawasaki é di tutt'altra pasta, con le sue linee filanti e aggressive. Come la Suzuki, anche la 400 Mach II dichiara un peso di 172 kg. Tra i molti particolari più o meno identici a quelli della sorella maggiore di 500 cc ci sono la forcella, la strumentazione, i comandi e le leve, il serbatoio, il codino, i parafanghi e il sellone.

La grinta di famiglia viene sottolineata dalla consueta asimmetria dei tre scarichi finali: due sulla destra e il terzo sulla sinistra. Come sempre curatissime le finiture, a cominciare dalla verniciatura metallizzata della carrozzeria. Un altro dettaglio degno di nota è rappresentato dalle pedane del passeggero e dalle marmitte montate elasticamente, due evidenti misure anti-vibrazioni. Tutti i comandi e le leve sono al posto giusto, con quella del cambio caratterizzata dalla prima in basso. Il motore è del tipo in lega leggera e camicie in ghisa come sulla 500, con distribuzione a incrocio di corrente e pistoni piatti; le bielle che lavorano sia alla testa sia al piede su rullini ingabbiati. La nuova cilindrata si ottiene con le misure di alesaggio e corsa pari a 57x52,3 mm per ognuno dei tre cilindri. Con un rapporto di compressione di 6,5:1, la potenza massima è di 42 CV a 7.000 giri e la coppia massima di 4,32 kgm a 6.000 giri. Durante la prova di Motociclismo la Mach II tocca i 166,7 km/h, con un tempo sui 400 metri con partenza da fermo di 14,42 secondi e velocità di uscita di 140 km/h.

Facendo tesoro dei guai prodotti dalle carenze funzionali dei primi freni a tamburo della 500, la Mach II esce già in origine con un disco anteriore da 280 mm con pinza a comando idraulico (simile nella forma a quella montata sulla Z1 900 presentata nel 1972), mentre dietro resta il tamburo monocamma della Mach III da 180 mm. L’impianto, secondo il tester dell’epoca, era “adeguato, richiedendo soltanto uno sforzo leggermente elevato per l’azionamento, ma giungendo al limite del bloccaggio solo se sollecitato con forza”. Il cambio a 5 marce ha i rapporti “ben scalati, con una prima piuttosto lunga e le altre marce molto ravvicinate”. Sospensioni tarate troppo morbide, manubrio troppo alto erano i soliti ostacoli al godimento pieno di una moto che era per altro era, “particolarmente maneggevole e dotata di molto sprint”. La prova su strada sottolineava anche “la grande pastosità del motore, veramente docile anche ai bassi regimi, senza per questo diventare intrattabile agli alti”. Come sulle sorelle di maggior cilindrata le vibrazioni sono avvertibili nonostante la presenza dei silent-bloc degli attacchi posteriori del motore. Notevole anche la rumorosità meccanica soprattutto a freddo, anche se rispetto alle 250 (mai importate in Italia) e 350 è decisamente inferiore.

Se, come ha confermato l’ex importatore Marino Abbo, la Kawasaki 400 in Italia era un’alternativa “sfiziosa” e più economica della Mach III 500, all’estero diventa un vero best-seller.

In Francia ad esempio le vendite salgono alle stelle e viene addirittura istituito un Trofeo monomarca denominato Coupe Kawasaki-Moto Revue che dal 1974 al 1978 vede imporsi Bernard Sailler, Eric Saul, Christian Le Liard, Marc Fontan e Pierre-Etienne Samin, tutti piloti approdati in seguito al Mondiale GP.Alla prima serie del 1974, denominata S3, fanno seguito altre sei versioni (S3A, KHA3, KHA4, KHA5, KHA6 e KHA7), non tutte importate nel nostro Paese, modificate soprattutto nell’estetica. Le modifiche maggiori sono sulla KHA3 del 1976 che ha l’accensione elettronica anziché a puntine. Rispetto alla S3 dell’anno precedente vengono modificati anche la taratura dei carburatori per “accordarli” al nuovo filtro dell’aria e agli scarichi più silenziati. Diminuisce anche la potenza che passa da 42 a 38 CV, mentre la coppia scende a 3,9 kgm a 6.500 giri, segno che il vorace 2 tempi Kawasaki soffre lo strozzamento delle norme antinquinamento.

 L’ultima versione, la KHA7 del 1980, non è importata in Europa. Viene presentata con la colorazione verde-corsa Kawasaki e la scritta KH sulla sella, ma è ormai un modello obsoleto ed esteticamente superato perché gli appassionati di 2 tempi sportivi hanno ormai nel cuore da qualche anno la Yamaha RD 350 (con motore raffreddato a liquido e cerchi in lega), una moto sicuramente più grintosa sia dal punto estetico sia da quello delle prestazioni.

Condizioni, immatricolazioni & documenti

  • Targa storica
  • Immatricolato
  • Pronta a partire
  • Senza incidenti

ID veicolo: 67792


Nuovo da Classic Trader?

Registrati - è veloce e semplice - per godere i seguenti vantaggi:

  • Salva veicoli sulla tua lista delle offerte osservate personale.
  • Crea e salva ricerche individuali.
  • Zero costi e nessun' obbligo.

Io sono venditore privato

Con Classic Trader il tuo veicolo è già bello che venduto. Il nostro supporto è assicurato.

Io sono rivenditore

Inserisci un numero illimitato di veicoli. Usa Classic Trader come canale di vendita professionale e approfitta dei nostri servizi.

Io sono venditore privato

Con Classic Trader il tuo veicolo è già bello che venduto. Il nostro supporto è assicurato.

Io sono rivenditore

Inserisci un numero illimitato di veicoli. Usa Classic Trader come canale di vendita professionale e approfitta dei nostri servizi.