• Merkliste 0
    0

    Modifiche ai veicoli salvati

    Lista veicoli salvati

    Usa la lista delle offerte osservate, per accedere velocemente le tue inserzioni preferiti.

    Per visualizzare la lista delle offerte osservate, devi accedere al sito.

  • Gespeicherte suchen 0
    0

    nuovi risultati nella ricerca

    Lista ricerche

    Salva la ricerca e continua in qualsiasi momento con solo un click.

    Ricevi una notifica e-mail quando vengono pubblicate nuove inserzioni affini alla tua ricerca.

    Per salvare la tua ricerca, devi accedere al sito.

Kawasaki H1 500 Mach III (1974)

7.000 EUR927.920 JPY13.691 BGN179.305 CZK52.218 DKK6.262 GBP2.264.430 HUF30.106 PLN32.605 RON72.494 SEK7.903 CHF908.600 ISK66.985 NOK51.986 HRK543.026 RUB51.165 TRY11.331 AUD33.475 BRL10.662 CAD56.510 CNY64.359 HKD122.586.380 IDR29.455 ILS598.966 INR9.205.840 KRW155.296 MXN34.028 MYR12.356 NZD446.880 PHP11.243 SGD266.973 THB117.314 ZAR

Offerto per: 7.000 EUR

  • Kawasaki H1 500 Mach III
  • Kawasaki H1 500 Mach III
  • Kawasaki H1 500 Mach III
  • Kawasaki H1 500 Mach III
1 da 4
Chiama il Venditore
Scrivi al venditore
  • RUOTE DA SOGNO S.R.L
  • Italia Italia
  • Contatto:
    Romano Pasini

Oggetto

Richiesta di Kawasaki H1 500 Mach III (1974) | ID veicolo: 67788

Salva Salvato
Stampa
Segnala
  • Dati veicolo
  • Descrizione
  • Condizioni
  • Marca Kawasaki
  • Modello H1 500 Mach III
  • Anno di fabbricazione 1974
  • Tipo Grand Turismo / Grand Cruiser
  • Numero di telaio N/D
  • Numero del cambio N/D
  • Numero del motore N/D
  • Colore carrozzeria Nero
  • Perizia N/D
  • Condizioni Originale
  • Chilometraggio N/D
  • Numero di proprietari precedenti N/D
  • Prima immatricolazione N/D
  • Matching numbers N/D
  • Cafe Racer N/D

Dettagli tecnici

  • Motore 2-Tempi
  • Potenza (kW/CV) 44/60
  • Cilindrata (ccm) 498
  • Cilindri 3
  • Avviamento Kickstarter
  • Cooling Aria
  • Cambio N/D
  • Innesto (cambio) N/D
  • Marce 5
  • Trazione Catena
  • Carburante Benzina
  • Freno anteriore Disco
  • Freno posteriore Tamburo
  • Peso a vuoto (kg) 174

Alla fine degli anni Sessanta il mondo era a quattro tempi, solo la Vespa ed il Ciao della Piaggio utilizzavano un motore a due tempi.

Ma quando all’improvviso si materializzò sul mercato la Kawasaki 500 Mach III, fu come se fossero sbarcati i marziani sulla Terra!

E la Mach III del Sol Levante, divenne subito un icona, una star fotografata e recensita da tutti i giornali ed i magazine dell’epoca, un mix letale di pregi e difetti che ne fecero uno “status simbol” degli anni ’70, un oggetto da possedere, ma  soprattutto da dominare, cosa per niente facile…..

Nonostante difetti e scompensi fu proprio la prima serie a creare una leggenda intorno a sé, e fu proprio grazie alla 500 Mack III  che il marchio Kawasaki coniugò la propria filosofia costruttiva con le prestazioni assolute di un solo modello.

Dopo il suo esordio negli USA , finalmente a metà del 1969 la Kawasaki H1 500 Mach III bianca con inserti azzurri sbarcò in Europa, tre cilindri in linea raffreddati ad aria. Con 60 cavalli a 8.000 giri, tre carburatori Mikuni 28 e cinque marce. La prima moto con accensione elettronica CDI, miscelatore con pompa Injectolube, manovelle a 120 gradi e sibilo da jet, da cui la sigla Mach III ovvero tre volte la velocità del suono.

Annunciata con prestazioni esplosive: 200 km orari di punta e solo 4 secondi da 0 a 100 Km orari,174 chili il suo peso a secco. Ma il telaio a doppia culla era debole, la forcella teleidraulica era sottodimensionata, i freni solo a tamburo e con l’anteriore a doppia camma da 206. Solo dal ’71 fu introdotto il freno anteriore a disco.

Impennava volentieri e suonava bene, ma fumava come una locomotiva e soprattutto frenava poco, costringendoti a ridurre le marce nella speranza vana di ridurre anche la velocità, il che non accadeva. In città scaldava come un fornace con tendenza al grippaggio del pistone centrale data la scarsità di ventilazione. 

Gli aggettivi e le accezioni per descriverla si sprecarono in quegli anni: "Bomba H", " A cavallo di un tornado", "Il missile di Satana", "La bara volante" e negli USA perfino "Widow maker", fabbrica di vedove.

La Kawasaki 500 restò in produzione fino al ’77, quando la crisi petrolifera ne suggerì lo stop, perché beveva e non era proprio parsimoniosa come imponevano le norme dell’”austerity”: meno di 10 km/litro di media e soli 130 km d’autonomia, roba da pazzi ! In totale circa duecentomila pezzi costruiti spalmati su otto versioni e non tutte vendute in Italia. 

Correva l'anno 1969, e mentre l'uomo camminava sulla Luna, le moto inglesi e italiane venivano lentamente, ma inesorabilmente, sopraffatte dalla furia giapponese di questi leggendari motori: l’alba di una nuova era fatta di pluricilindriche in linea stava sorgendo…..

Fonte MC MotoHistory
 

Condizioni, immatricolazioni & documenti

  • Targa storica
  • Immatricolato
  • Pronta a partire
  • Senza incidenti

ID veicolo: 67788

Nuovo da Classic Trader?

Registrati - è veloce e semplice - per godere i seguenti vantaggi:

  • Salva veicoli sulla tua lista delle offerte osservate personale.
  • Crea e salva ricerche individuali.
  • Zero costi e nessun' obbligo.

Io sono venditore privato

Con Classic Trader il tuo veicolo è già bello che venduto. Il nostro supporto è assicurato.

Io sono rivenditore

Inserisci un numero illimitato di veicoli. Usa Classic Trader come canale di vendita professionale e approfitta dei nostri servizi.

Io sono venditore privato

Con Classic Trader il tuo veicolo è già bello che venduto. Il nostro supporto è assicurato.

Io sono rivenditore

Inserisci un numero illimitato di veicoli. Usa Classic Trader come canale di vendita professionale e approfitta dei nostri servizi.