• Merkliste 0
    0

    Modifiche ai veicoli salvati

    Lista veicoli salvati

    Usa la lista delle offerte osservate, per accedere velocemente le tue inserzioni preferiti.

    Per visualizzare la lista delle offerte osservate, devi accedere al sito.

  • Gespeicherte suchen 0
    0

    nuovi risultati nella ricerca

    Lista ricerche

    Salva la ricerca e continua in qualsiasi momento con solo un click.

    Ricevi una notifica e-mail quando vengono pubblicate nuove inserzioni affini alla tua ricerca.

    Per salvare la tua ricerca, devi accedere al sito.

Benelli 500 (1937)

28.000 EUR3.673.880 JPY54.762 BGN712.544 CZK208.886 DKK24.910 GBP9.066.960 HUF120.422 PLN130.178 RON291.701 SEK31.486 CHF3.572.800 ISK267.324 NOK208.026 HRK2.216.645 RUB210.148 TRY45.483 AUD135.747 BRL42.664 CAD224.888 CNY256.914 HKD486.623.200 IDR117.295 ILS2.390.108 INR36.823.080 KRW617.879 MXN135.674 MYR49.706 NZD1.772.708 PHP44.887 SGD1.066.548 THB488.821 ZAR

Offerto per: 28.000 EUR

  • Benelli 500
  • Benelli 500
  • Benelli 500
  • Benelli 500
  • Benelli 500
1 da 5
Chiama il Venditore
Scrivi al venditore
  • RUOTE DA SOGNO S.R.L
  • Italia Italia
  • Contatto:
    Romano Pasini

Oggetto

Richiesta di Benelli 500 (1937) | ID veicolo: 66796

Salva Salvato
Stampa
Segnala
  • Dati veicolo
  • Descrizione
  • Condizioni
  • Marca Benelli
  • Modello 500
  • Anno di fabbricazione 1937
  • Tipo Grand Turismo / Grand Cruiser
  • Numero di telaio N/D
  • Numero del cambio N/D
  • Numero del motore N/D
  • Colore carrozzeria Nero
  • Perizia N/D
  • Condizioni Restaurato
  • Chilometraggio N/D
  • Numero di proprietari precedenti N/D
  • Prima immatricolazione N/D
  • Matching numbers N/D
  • Cafe Racer N/D

Dettagli tecnici

  • Motore 4-Tempi | OHC
  • Potenza (kW/CV) 17/23
  • Cilindrata (ccm) 498
  • Cilindri 1
  • Avviamento Kickstarter
  • Cooling Aria
  • Cambio N/D
  • Innesto (cambio) N/D
  • Marce N/D
  • Trazione Catena
  • Carburante Benzina
  • Freno anteriore N/D
  • Freno posteriore N/D
  • Peso a vuoto (kg) N/D

Il primo motore

Complice l'univoca passione per i motori, i fratelli Benelli avevano preso l'abitudine, sin dal 1910, di riunirsi per progettare, sotto la direzione di Giuseppe e Giovanni, un motore tutto loro con il quale equipaggiare una motocicletta. L'opera di progettazione, prototipazione e sviluppo, eseguita fuori dall'orario di lavoro e spesso ostacolata dalle difficoltà anzidette, durò otto anni e partorì un motore a due tempi di 75 cm³ che venne esposto alla 1ª Fiera campionaria di Milano del 1920, ottenendo lusinghiere critiche. Successivamente maggiorato a 98 cm³, il motore equipaggiò il primo motociclo prodotta dalla Benelli, nel 1921.

Questa moto, opportunamente modificata per le competizioni, cominciò a gareggiare nel 1923 pilotata direttamente da Antonio Benelli, detto "Tonino". Tonino si laureerà Campione Italiano nel 1927, 1928, 1930 e 1931, guidando nei primi tre casi la Benelli 175 monoalbero e nel 1931 la Benelli 175 bialbero, con la quale conquista la piazza d'onore nel Campionato d'Europa, alle spalle del compagno di squadra Carlo Baschieri. Nel 1930 la Benelli aveva più di 1000 operai.

Le moto Benelli, senza Tonino che dovette interrompere la sua brillante carriera di pilota nel 1932 a causa di un incidente, risultarono comunque vittoriose, ed arrivarono a conquistare nel 1939 il prestigioso Tourist Trophy. Vittoria bissata anche nel 1950, quando Dario Ambrosini si laureerà Campione del Mondo. Nel 1969 si aggiudicò l'ultimo Titolo Mondiale e l'ultimo Tourist Trophy nella classe 250 con Kel Carruthers.

Giuseppe Benelli, in seguito a disaccordi con alcuni familiari, si stacca nel 1949 dall'azienda e fonda la MotoBi che ottiene un notevole successo con i motori orizzontali "a uovo". Dopo la morte di Giuseppe, avvenuta nel 1957, gli eredi trovano un accordo e la MotoBi si fonde con la Benelli, pur rimanendo attiva come marchio. Nel 1962 la produzione complessiva raggiunse i 300 esemplari al giorno di entrambi i marchi. Alla fine degli anni sessanta la crescente diffusione dei marchi giapponesi in Italia si fa insostenibile e l'azienda pesarese inizia un rapido declino, che i fratelli Marco e Paolo Benelli, figli di Tonino, tentano di arginare con investimenti nel campo sportivo e la progettazione di nuovi motori bicilindrici a due tempi, per la quale viene ingaggiato lo specialista tedesco Peter Dürr.

La gestione De Tomaso

Nel 1972 gli eredi Benelli decisero di vendere l'azienda all'industriale argentino Alejandro de Tomaso. Marco Benelli rimase in azienda come dirigente, mentre il fratello Paolo lasciò per dedicarsi alla Benelli Armi (che, in collaborazione con la Morbidelli, costruirà le moto da GP MBA).

Al fine di sfidare le case giapponesi De Tomaso chiese ai progettisti di copiare un motore Honda CB 500 Four, al fine di risparmiare tempo e denaro. Nacque così la 500 Quattro (1974) e la "sorella" Moto Guzzi GTS 350.

Benelli 750 Sei del 1975

Nonostante diversi tentativi di diversificarsi dai concorrenti giapponesi (citiamo la 750 Sei e il suo motore a sei cilindri in linea, primo al mondo su una moto stradale, che nel 1979 sarà portato a 900 cm³), una fusione con l'acerrima rivale (nelle corse) Moto Guzzi nel 1988 nella Guzzi-Benelli Moto (G.B.M. S.p.A.), l'attività produttiva si ridusse ai minimi termini: nel 1989 solo un'ottantina di operai lavoravano, mentre altri 153 erano in cassa integrazione.

Giancarlo Selci, ex dipendente Benelli e titolare della Biesse, rilevò la Casa pesarese nel 1989 tentando un rilancio che non ebbe successo; l'attività riprende solo nel 1995 quando Andrea Merloni acquisisce il marchio e lancia una serie di scooter per dare immediato ossigeno alle casse ed organizzare la rete di vendita ed assistenza, al fine di prepararsi al meglio al rientro di Benelli nel settore moto. Degno di nota nella gamma scooter di quegli anni è il modello Adiva, dotato di tettuccio rigido asportabile e il 491, scooter 50 cm³ dedicato ai più giovani che riscosse un buon successo commerciale. Gli importanti investimenti stanziati porteranno finalmente alla nascita della Tornado 900 Tre, una moto sportiva pura, dotata di un motore a 3 cilindri in linea che presentava una inedita disposizione del radiatore di raffreddamento posizionato sotto il codino posteriore e dotato di due ventole di aspirazione forzata dell'aria di scenografico effetto. Andrea Merloni tentò anche l'avventura del Campionato Mondiale Superbike per le derivate dalla serie, cogliendo nel primo anno di partecipazione qualche punto in classifica. Considerazioni di carattere economico spinsero ad interrompere la partecipazione alle gare in breve tempo.

Nel 2004 Benelli irrompe con il nuovo modello TNT, una roadster caratterizzata dallo stesso motore a 3 cilindri portato ad una cilindrata di 1130 cm³, disposizione laterale sdoppiata del radiatore di raffreddamento ed un telaio che utilizzava tecnologie aeronautiche per la sua realizzazione. La rivista tedesca Motorrad Magazine premia la TNT come miglior moto dell'anno 2004.

Gli ingenti investimenti schiacciano, però, nuovamente la Benelli nel baratro delle difficoltà finanziarie, e nel corso del 2005 la società sospende la produzione.

Centenario della Benelli

Nel 2011 (anno del 100º anniversario) si è svolta a Pesaro una grande festa durata una settimana che ha coinvolto tutti gli appassionati e i possessori di motociclette Benelli da tutto il mondo. Nello stesso anno al salone del motociclo di Milano la Benelli ha annunciato nuovi modelli tra cui un motard di 250 cm³, una bicilindrica di 750 cm³ già presentata nel 2006 e alcuni scooter di 150 cm³.

Condizioni, immatricolazioni & documenti

  • Targa storica
  • Immatricolato
  • Pronta a partire
  • Senza incidenti

ID veicolo: 66796


Nuovo da Classic Trader?

Registrati - è veloce e semplice - per godere i seguenti vantaggi:

  • Salva veicoli sulla tua lista delle offerte osservate personale.
  • Crea e salva ricerche individuali.
  • Zero costi e nessun' obbligo.

Io sono venditore privato

Con Classic Trader il tuo veicolo è già bello che venduto. Il nostro supporto è assicurato.

Io sono rivenditore

Inserisci un numero illimitato di veicoli. Usa Classic Trader come canale di vendita professionale e approfitta dei nostri servizi.

Io sono venditore privato

Con Classic Trader il tuo veicolo è già bello che venduto. Il nostro supporto è assicurato.

Io sono rivenditore

Inserisci un numero illimitato di veicoli. Usa Classic Trader come canale di vendita professionale e approfitta dei nostri servizi.